giovedì 24 settembre 2015

semplice

Penso di iniziare a perseguire la via della gentilezza, che in genere si accompagna a cose buone............
Poco importa se ci sarà chi se ne approfitta, pace alla sua limitata visione, ma sento che devo cercare di essere gentile, quanto più mi sarà possibile.
Ovviamente non si può essere ciò che si vuole, fosse anche un bel proposito come l'essere gentile, ma so bene che la base c'è, fondamentalmente ho sempre evitato di esserlo per paura........di mostrarmi; perchè credo che l'essere gentile sia un aprirsi e quindi essere vulnerabile....ma è da un pò che medito e sento vero il fatto che questa vita è un' illusione.....fondamentalmente niente è vero......come dice Vasco.
Oggi non ho più voglia di molte cose che desideravo prima, oggi sono più introspettivo e guardandomi dentro ritrovo il tutto che è anche fuori
Cerco di restare in silenzio perchè questa lingua l'ho sempre parlata, la conosco sin dai miei primi ricordi....e nel silenzio ritrovo me stesso, il mio Io superiore ed a volte lo sento delicatamente ridere delle mie paure, del mio lasciarmi trasportare dalla mente........
A volte mi sento solo e forse è un bene anche quello..............
Devo scegliere cosa è giusto, anche se questo significa uscire dalle comode abitudini, dalla consuetudine e a volte questo fa paura........ombre.
Oggi è un giorno nuovo, dove ho reciso una mezza bugia, liberandomi
da oggi ho ripreso a seguire il mio io superiore, ed inizio a respirare......

 "Considerare benvenute le situazioni difficili della vita è una delle pratiche più potenti della trasformazione del pensiero. " (Lama Zopa Rinpoche)

Tenerezza e gentilezza non sono sintomo di disperazione e debolezza, ma espressione di forza e di determinazione.
Kahlil Gibran
Posta un commento