sabato 29 novembre 2014

Osho,Cos’è l’esistenza? È quel qualcosa che gli uomini chiamano dio?


L’esistenza è ciò che è.
E dio è ciò che non è. L’esistenza è una realtà e dio è una finzione. L’esistenza è disponibile solo ai meditatori,alle persone silenziose; dio è una consolazione per menti malate,per psicologie malate.
L’esistenza non è di tua produzione,dio sì.
Per questo c’è una sola esistenza ma migliaia di dèi.
Ciascuno,secondo i propri bisogni,secondo la propria sofferenza e le proprie aspettative,crea un dio o accetta il dio di un vecchio credo.
Dio è una grande consolazione,ma non è una cura.
L’esistenza non è una consolazione.
Essere in sintonia con essa vuol dire essere in salute e completi,in unità. Tutte le religioni del mondo hanno insegnato dio; io vi insegno l’esistenza. Vi insegno a essere in sintonia con ciò che vi circonda,con ciò che è dentro e fuori di voi.
Una volta in sintonia con tutto ciò,non c’è più morte,non c’è più infelicità, tensione,preoccupazione,ma solo una pace tremenda che ti circonda, una contentezza che non hai mai neanche osato sognare.
Dio è per quelli che non riescono a crescere nella consapevolezza,che sono ritardati per ciò che riguarda la consapevolezza.
È una specie di giocattolo; i ritardati ne hanno bisogno.
E nel momento in cui dichiaro che è un giocattolo,a te resta la scelta di cosa farne,sarà come una scimmietta o come un elefante?
Sta a te decidere se dargli quattro zampe o mille zampe.
È la tua creazione.
È strano,ma gli uomini credono che dio abbia creato tutto quanto.
La verità è che dio stesso è una creazione dell’immaginazione umana.
Dio è la più grande bugia esistente,perché da quella bugia dipendono altre migliaia di bugie.
Chiese e organizzazioni religiose continuano a moltiplicare bugie su bugie, solo per proteggere una bugia.
Osho
Posta un commento