sabato 11 ottobre 2014

PERCHE' DOVREI AFFLIGGERMI ORA?

Un grande scienziato,un botanico,scoprì per caso una valle dell' himalaya dove crescevano dei fiori bellissimi;non ne aveva mai sentito parlare,dovevano essere di una specie ancora non conosciuta.
Rimase incantato,affascinato da quello spettacolo,ma la valle a centinaia di metri più in basso,pareva non avere alcuna via d'accesso.
Il botanico voleva a tutti i costi prendere quei fiori; che fare?
In un tentativo disperato,egli prese suo figlio,passò una corda sotto le sue braccia e lo calò nella valle.
La tensione era fortissima,sudava ,tremava,temeva che potesse accadere qualcosa di irreparabile.
Alla fine,il bambino toccò il suolo e raccolse alcuni fiori.
Dall'alto il padre chiese a gran voce:Stai bene?Hai paura?
Il bambino scoppiò a ridere e disse: Perchè dovrei aver paura?
La corda è in mano di mio padre....
Forse il padre può aver paura, non il figlio.
Ed è questo che sente un uomo religioso:la corda è nelle mani di mio padre...

Di conseguenza,d'un tratto ogni ansia scompare.
Nel mondo accidentale devi lottare.
Nel mondo essenziale devi semplicemente arrenderti all'esistenza.
Nel mondo accidentale devi dubitare.
Nel mondo essenziale hai semplicemente fiducia e questa fiducia non è sinonimo di "credere";credere è l'opposto del dubbio;aver fiducia è semplice assenza dei dubbi.
Ti senti semplicemente colmo di fiducia.
Quindi non si tratta di credere,bensì di cambiare la propria consapevolezza,il problema è passare dal piano accidentale all'essere essenziale:come pervenire al tuo centro,come ritornare a sentire il tuo centro.
La fiducia sarà una conseguenza naturale.
Man mano ti avvicini al centro del tuo essere.
Hai sempre più fiducia.
Normalmente,l'intera nostra educazione ci porta a lottare..
Fin dalla nascita ci è stato insegnato a combattere.
Siamo stati allevati come soldati.
A mio avviso al mondo esistono solo due tipi di persone:i soldati e sannyasin.
I soldati sono quelli che hanno imparato a combattere,a lottare contro tutto e contro tutti,pur di raggiungere i loro obbiettivi,a procedere con la forza,a essere violenti e aggressivi,a reprimersi.
Il sannyasin,invece è colui che sa che tutto che tutto questo non è necessario,poichè la vita sta già scorrendo in una direzione ben precisa.
Devo solo essere in sintonia con la vita.
Mi basta semplicemente essere parte di questa immensa orchestra.
Devo solo diventare una nota in armonia con il tutto
Non devo far altro abbandonarmi all'esistenza;Tutto qui.
Il sannyasin non è un guerriero,non è un soldato.
Egli si arreso all'intera esistenza....
Posta un commento