domenica 16 marzo 2014

Osho

Se non sei egoista, non sarai altruista, ricorda.
Se non sei egoista, non sarai generoso; solo una persona profondamente egoista può essere altruista. ma questo va compreso, perchè sembra un paradosso.
Cosa vuol dire essere egoisti?
Il primo elemento, quello fondamentale, è essere centrati su di sè.
Il secondo, anch'esso importante, è cercare sempre la propria beatitudine.
Se sei centrato su di te, sarai egoista in tutto ciò che farai. potresti metterti al servizio degli altri, ma solo perchè ti piace, perchè ami farlo, ti senti felice ed estatico mentre lo fai: solo perchè senti di agire così; non stai adempiendo alcun obbligo, non stai servendo l'umanità.
Non sei un grande martire, non ti stai sacrificando. Queste sono tutte parole prive di senso. Semplicemente, sei felice a modo tuo, fai ciò che ti fa sentire bene. Vai all'ospedale e conforti i malati, oppure vai dai poveri e li aiuti, ma è una cosa che ami fare. E' così che cresci. Dentro di te, in profondità, ti senti felice e silenzioso, soddisfatto di te stesso.
Una persona centrata su di sè è sempre alla ricerca della propria felicità. E la cosa più bella è che più cerchi la tua felicità, più aiuterai a essere felici. Infatti, questo è l'unico modo al mondo di essere felici. Se tutti intorno a te sono infelici, non puoi essere felice, perchè l'uomo non è un'isola, è parte di un grande continente. Se vuoi essere felice, dovrai aiutare coloro che ti circondano a esserlo; allora, e solo allora, potrai essere felice.
Devi creare intorno a te l'atmosfera della felicità. Se tutti sono tristi, come puoi essere felice? Sarai contagiato. Non sei una roccia, ma un essere molto delicato e sensibile; se intorno a te sono tutti infelici, la loro infelicità ti contagerà. L'infelicità è contagiosa come una malattia. A la felicità è contagiosa come una malattia. Se aiuti gli altri a essere felici, in ultima analisi, aiuti te stesso a esserlo. Una persona profondamente interessata alla propria felicità è sempre interessata anche alla felicità degli altri; ma non per loro, bensì per se stessa. In cuor suo è interessata a se stessa, per questo aiuta gli altri. Se tutti venissero educati a essere egoisti, il mondo intero sarebbe felice. L'infelicità non sarebbe possibile.

 "CON TE E SENZA DI TE"




L'uomo è parte dell'esistenza, del divino, vibra all'interno del tutto.
Pertanto non si deve realizzare alcun Dio, già lo si è: occorre solo ricordarlo! Forse sei solo un raggio di luce, ma quel raggio contiene tutti i soli che possono esistere. Se riesci a comprendere un singolo raggio di luce, avrai compreso l'intero fenomeno della luce. 
Se riesci a conoscere una singola goccia d'acqua, avrai compreso tutti gli oceani: passati, presenti, futuri, di questa terra, di tutti gli altri pianeti. Certo, l'uomo è un cosmo in miniatura, un mondo piccolissimo, ma che contiene ogni cosa. La scoperta di sé è una grande avventura: immergersi in se stessi vuol dire scendere nell'essenza più intima del reale, nel cuore stesso della realtà.

"I Misteri della Vita"


Un Matto è qualcuno che continua ad aver fiducia; un Matto continua a fidarsi in contrasto con tutte le sue esperienze. Tu lo inganni, e lui ha fiducia in te; tu torni a ingannarlo, e lui si fida di te; di nuovo lo inganni, e lui si fida. A quel punto dirai che quella persona è matta, non impara nulla. La sua fiducia è incredibile; la sua fiducia è così pura che nessuno la può corrompere. Sii un matto nel senso taoista o Zen. Non cercare di creare intorno a te un muro di sapere. Se un’esperienza ti coinvolge, lascia che accada, e poi continua a lasciarla andare. Continua senza posa a ripulire la tua mente; continua a morire al passato, in modo da restare nel presente, nel qui e ora, come se fossi appena nato, un infante. All'inizio sarà difficilissimo. Il mondo s’approfitterà di te, lascia che accada. Quelle persone sono dei poveretti: anche se vieni ingannato e imbrogliato e derubato, lascia che accada, poiché ciò che realmente ti appartiene non ti può essere portato via, ciò che veramente è tuo non ti può essere rubato da nessuno. E ogni volta che non permetti alle situazioni di corromperti, quella diventa un’integrazione interiore. La tua anima diventa più cristallizzata. (Osho) 
http://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__in-amore-vince-chi-ama-osho.php?pn=3028



Un Matto è qualcuno che continua ad aver fiducia; un Matto continua a fidarsi in contrasto con tutte le sue esperienze. Tu lo inganni, e lui ha fiducia in te; tu torni a ingannarlo, e lui si fida di te; di nuovo lo inganni, e lui si fida. A quel punto dirai che quella persona è matta, non impara nulla. La sua fiducia è incredibile; la sua fiducia è così pura che nessuno la può corrompere. Sii un matto nel senso taoista o Zen. Non cercare di creare intorno a te un muro di sapere. Se un’esperienza ti coinvolge, lascia che accada, e poi continua a lasciarla andare. Continua senza posa a ripulire la tua mente; continua a morire al passato, in modo da restare nel presente, nel qui e ora, come se fossi appena nato, un infante. All'inizio sarà difficilissimo. Il mondo s’approfitterà di te, lascia che accada. Quelle persone sono dei poveretti: anche se vieni ingannato e imbrogliato e derubato, lascia che accada, poiché ciò che realmente ti appartiene non ti può essere portato via, ciò che veramente è tuo non ti può essere rubato da nessuno. E ogni volta che non permetti alle situazioni di corromperti, quella diventa un’integrazione interiore. La tua anima diventa più cristallizzata. 


"In Amore Vince chi Ama"




Posta un commento