domenica 23 marzo 2014

G. Rondas

Ho cercato il mio Dio
tra le letture del vangelo
e le preghiere da bambino.
L’ho cercato nelle offerte della domenica
e nelle prediche di un prete.
Poi un giorno
uno di quei giorni senza motivo
l’ho trovato:
era tra i cartoni di un senzatetto
e nelle mani di un operaio,
era tra i pensieri di un folle
e nelle mani di un artista,
era tra i mille colori della vita
e nel pianto di un fanciullo,
era tra le parole che scrivevo
e nella strada che seguivo...
Senza sapere come si chiamasse
o cosa da me pretendesse,
ho capito cosa volesse:
che io semplicemente
ed intensamente...vivessi.
Posta un commento