sabato 10 agosto 2019

Osho

Se riesci ad amare la tua tristezza, 
la tristezza non è più triste. 
E' triste perchè a te non piace, perchè non vuoi starci dentro. Attraversala. 

E persino la tristezza diventa una fioritura di immensa bellezza, silenzio, profondità, se la ami. Solo così la trascenderai.

L'uomo secondo Gurdjieff

"La condizione fondamentale della maggioranza degli esseri umani è il sonno; l'essere umano è addormentato, la sua coscienza è ipnotizzata, confusa; egli non sa chi è, non sa perché agisce, è una specie di macchina, un automa, cui tutto "succede"; non ha il minimo controllo sui propri pensieri, sulle proprie emozioni, sulla propria immaginazione, sulla propria attenzione; crede di amare, di desiderare, di odiare, di volere, ma non conosce mai le vere motivazioni di questi impulsi che compaiono e scompaiono come meteore; dice "io sono, "io faccio", "io voglio", credendo di avere davvero un ego unitario, mentre è frammentario in una moltitudine di centri che di volta in volta lo dominano; si illude di avere coscienza di sé, ma non può svegliarsi da sé, può soltanto sognare di svegliarsi; pensa di poter governare la propria vita, ma è una marionetta diretta da forze che ignora; trascorre l'intera esistenza nel sonno e muore nel sonno; passa tutto il tempo in un mondo soggettivo cui non può sfuggire; non è in grado di distinguere il reale dall'immaginario; spreca le proprie energie a inseguire cose superflue; e solo qualche volta si rende conto che non è soddisfatto, che la vita gli sfugge, che sta sciupando l'occasione che gli è stata offerta."

domenica 14 aprile 2019

gli ultimi saranno.......

Gli ultimi saranno forse sempre ultimi, forse perchè hanno fatto una scelta diversa, fuori da ogni competizione egoica, senza farsi troppe domanda  hanno iniziato a credere più in un perchè, rapiti  dal fascino di  una porta socchiusa; molteplici verità di altrettante unicità; dove finisce il giudizio perchè non ci sono più punti fissi, termini di paragone, un dentro e un fuori......
Ho smesso di indossare un sorriso di circostanza, con le pause di silenzio ci sto ancora lavorando......
Quanta strada ho fatto oggi per ritagliarmi un pò di tempo per me stesso, per scrivere frasi che forse non sono vere e sincere completamente, ma sono qui che provo a credere che ciò che è più prezioso è qui e proprio adesso. 14/04/2019       Stiamo arrivando

sabato 29 dicembre 2018

PERCHÉ NON RIESCO A VIVERE SENZA L'INFELICITÀ?


"Pochissime persone ci riescono. Pochissime persone possono permettersi di vivere senza l'infelicità.
L'infelicità ti dà il senso dell'esistenza, ti definisce. L'infelicità ti dà l'ego, l'identità del sé. L'infelicità ti dà qualcosa a cui aggrapparti.
La beatitudine è molto evanescente. Puoi possedere l'infelicità, ma non puoi possedere la beatitudine - al contrario è la beatitudine a possedere te.
Puoi controllare l'infelicità ma non la beatitudine.
Nella beatitudine devi scomparire; colui che controlla deve scomparire. Pochissime persone possono permetterselo, hanno tutti così paura di addentrarsi nell'ignoto!"

Osho

martedì 4 dicembre 2018

Padre

Padre, che sei in ogni cosa, ti dono la mia fiducia e confido nella tua.
Insegnami a perdonarmi, così che io possa perdonare
Insegnami ad amarmi, così che io possa amare
Il silenzio è la mia preghiera.